logotype

FATEBENEFRATELLI AMBASCIATORE DELLA SALUTE

Maggio 2010 - Ospedale di AFAGNAN: l’Ordine dei Fatebenefratelli Ambasciatore della salute

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha scelto l’Ordine dei Fatebenefratelli ad Afagnan come Ambasciatore della salute.

 

AFAGNAN “Ambasciatore della Salute”  nella Prefettura del Bas Mono

Il primo maggio, festa dei lavoratori, è stato speciale per la Comunità Ospedaliera di  Afagnan. Infatti, oltre al consueto discorso del Direttore Generale e la grande festa del personale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha scelto l’Ordine dei Fatebenefratelli ad Afagnan come Ambasciatore della salute.

Fra Pascal dott. Ahodegnon

Questo riconoscimento è stato ricevuto da Fra Pascal dott. Ahodegnon (nelle foto) il quale, felice del lavoro che svolge l’Ospedale per le popolazioni disagiate, fa di nuovo appello a sostenere i Fatebenefratelli in quella lotta quotidiana a favore dei poveri malati e bisognosi del Togo.

La presenza della Stampa locale e l’intervista in diretta al direttore hanno fatto vivere quest’evento dalle località d’intorno.

Per finire Fra Pascal ha ringraziato tutti sottolineando che il premio è il frutto del lavoro di tutti: “qui si lavora in equipe, se l’Ospedale è diventato Ambasciatore della Salute siete voi i veri promotori… giorno e notte corriamo per alleviare la sofferenza delle popolazioni, continuate senza stancarvi…”.

Fra Pascal dott. Ahodegnon
La storia di questo premio risale all’ultima Giornata Mondiale della Salute. La giornata, indetta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS-WHO) quest'anno è dedicata al problema dell'urbanizzazione.

" 1000 cities, 1000 lives".
E' lo slogan della 'Giornata Mondiale della Salute'.



"Per la prima volta nella storia le città contano più abitanti delle aree rurali. In parallelo con tale tendenza, il fardello della povertà mondiale si sta anche spostando dalle aree rurali a scarsa densità di popolazione alle città densamente popolate" - afferma il Segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon nel suo messaggio per la giornata. "A metà secolo, si conteranno sette abitanti cittadini ogni dieci persone. La maggior parte di questa crescita esplosiva avviene nei paesi industrializzati".

Per migliorare la salute urbana occorrono "politiche efficaci" ed è necessario lavorare soprattutto "per ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico, la congestione del traffico e la criminalità, contribuire al miglioramento delle abitazioni, della sanità e della sicurezza di acqua e cibo" - evidenzia il Segretario generale dell'Onu che invita le città di tutto il mondo a "condividere le proprie strategie di successo e le pratiche migliori per rendere le città dei luoghi sani in cui vivere".

Proprio attraverso l'iniziativa "1000 cities, 1000 lives", l'Organizzazione Mondiale della Sanità intende coinvolgere oggi mille città per condividere iniziative per migliorare la qualità della vita urbana attraverso l'apertura di aree verdi ai cittadini, l'allestimento di forum di discussione sulla salute e l'avvio di campagne specifiche per l'utilizzo degli spazi pubblici.

Ma c’è un secondo obiettivo: quello di rintracciare 1000 storie di “campioni di salute urbani” che si siano distinti in questo campo attraverso attività e iniziative volte al miglioramento della salute nelle proprie città.

Afagnan Project ringrazia tutte le persone, le ONG etc. che lavorano accanto all’Ospedale di Afagnan. Buona festa a tutti.